Why not? Recensisco pure io. Menù di oggi: Devotion

DEVOTION (Titolo azzeccatissimo)

Arrivo sempre tardi ma, prima o poi, le mie promesse le mantengo. Ho scelto di recensire questo libro dandone un mio parere spassionato perché ho osservato le reazioni e le opinioni su di un argomento così complesso come quello proposto dal libro in questione. Sembra che costituisca più taboo dei vari preti/ suore/ peccatori/ stalker psicopatici, (ma belli e ricchi) con i quali si cerca di attrarre l’attenzione sulla morbosità del binomio sacro/profano, tacciando di moralismo o peggio, chi trova questi argomenti di cattivo gusto (se trattati in modo volgare e strumentale, sia ben chiaro). La situazione e soprattutto l’epilogo sono argomento delicato visto che, per quanto ne so, non è molto usuale. Quindi la prima lode và al coraggio delle autrici di avere avuto un’idea abbastanza originale e averla sviscerata in maniera così elegante. Avevo letto tempo fa il best seller del New York Times e USA Today
“In mille piccoli pezzi” tratta di una situazione quasi, e sottolineo quasi, simile, ma lo avevo trovato troppo rozzo e strumentale per i miei gusti. Provate voi a fare il confronto

Ma torniamo a Devotion: non starò a raccontare la vicenda, la si può leggere nella sinossi, ma scriverò ciò che mi ha colpito e fatto apprezzare questo libro. Finalmente ci si trova davanti a una scrittura strutturata in modo diverso, insomma diciamocelo, il POV alternato non è obbligatorio, è una tecnica abbastanza recente, mutuata da Oltre Oceano e non è detto che sia la migliore (anche se mi ci sono dovuta adeguare anch’io, sic!). Chissà che pian piano si riabituino o abituino i lettori, specialmente le lettrici, a leggere e apprezzare questo approccio. Nonostante questo, di cui alcune lettrici si sono lamentate, i pensieri e i sentimenti dei tre protagonisti arrivano forti e chiari. Ho trovato un po’ più “inafferrabile” il personaggio di Amber, ma mi è andato bene così poiché mi sono arrivate fortissimo altre emozioni e sentimenti dei due protagonisti maschili: Ethan e Adam. La loro gelosia, il senso del possesso, il giocare “sporco”, le maschere che indossano per arrivare a possedere la loro preda (siamo poi sicuri che lo sia davvero?), sono rese in modo fluido e, nello stesso tempo, viscerale. Ti arrivano diritte allo stomaco. E questa è una cosa che apprezzo moltissimo in un libro. Tutto appare così spontaneo, non costruito per compiacere il lettore, che non si può non ammirare le autrici le quali, avendo tra le mani un argomento scottante, hanno trovato la giusta misura per raccontare la vicenda dei tre amici d’infanzia e l’evolversi della loro relazione. L’epilogo può sembrare surreale, ma io mi chiedo quante volte, nella realtà, questa soluzione venga adottata, con una certa benevolenza comune, dai signori maschi. Leggendo capirete ciò che intendo. Insomma questo è un libro che mi ha preso dall’inizio fino all’epilogo e non sono stata lì a chiedermi come e se Amber sarebbe riuscita a gestire questo rapporto. Ci ho visto un riscatto delle donne, la rivincita sulla vita e sulla malattia, la libertà di scegliere di tenersi il meglio. Ho trovato il tema intrigante e credo che ci si debba scandalizzare per ben altro. Eppure non ho visto centinaia di recensioni. Strano. Forse è davvero un tasto scandaloso, sul quale c’è imbarazzo ad esprimersi, sebbene “lo scandalo” non venga usato e strombazzato come esca. Cosa faresti tu se fossi al posto di Amber? Me lo sono chiesta e quando un libro mi suscita, oltre che emozioni, spunti e interrogativi, per me ha fatto centro. Da parte mia, lo confesso, avrei scelto Adam.

Né fiori né stelle né cuori. Solo il mio invito a leggerlo.