#abusi#violenzapsicologica#sessodiscambio#Keihra e le sue esperienze, Parte Prima

In seguito alle "rivelazioni" di una nota attrice italiana, in questo periodo è venuto a galla un "fenomeno" antico come il mondo. Trattasi del "do ut des". A seguire numerosissime testimonianze, servizi, scalpore mediatico.
Devo dire la mia, e ci ho pensato tanto.
Esistono abusi/molestie e abusi/molestie.
E sono da tenere bene separati.
La donna è consapevole del suo potere di seduzione e, se vuole, è libera di farne merce di scambio per ottenere qualcosa. In tante l'hanno fatto e, personalmente, rispetto la loro scelta. A patto che dopo, ottenuto ciò che volevano, non si mettano a starnazzare e a dipingersi come vittime. Perchè, in certi ambiti, e lo urlo, SI PUO' ANCHE DIRE DI NO.
Ma iniziamo dalla genesi, visto che ci sono, così vuoto il sacco, anche se questi primi post sembreranno un po' OT. Me ne scuso.

Nel mio piccolo ho subìto pesanti avance addirittura da un commissario della Maturità. Me lo ricordo ancora. Mi ha bloccato contro il termosifone di un bagno e mi ha ficcato la lingua in bocca. Aveva le labbra viola, grosse. Era più basso di me e, francamente, faceva schifo. Ho "assaggiato" la sua lingua perchè sono stata colta di sorpresa. Intanto le mani grassocce si erano infilate sotto la maglietta e salivano alla ricerca della mia terza scarsa. Ero una ragazza carina, credo. Vestivo in modo semplice, giravo in jeans e maglietta, scarpe da ginnastica o ballerine e mi truccavo poco perchè sono sempre stata un disastro con il make-up.
Portavo i capelli lunghi (sono sul biondo scuro) e un po' mossi (complice una permanente leggera perchè li ho dritti come spaghetti). Un tratto interno di kajal per "valorizzare" gli occhi verdi che erano e sono il mio punto di forza, una passata di mascara. E rimorchiavo.
La situazione, in quel bagno, mi colse davvero impreparata. Il tizio, veniva dalla Calabria ed era il Presidente della Commissione, faceva davvero ribrezzo. La scena è vivida.
Gli misi le mani sul petto e lo allontanai con forza. Tornò all'attacco. Respingimento in mare aperto, sempre più confusa. Non ero lucida, non capivo proprio. Finchè lui sibilò: "Questa te la farò pagare". Non ci detti peso.
Ero una delle migliori del Liceo, la migliore in Italiano tanto che, durante la prova scritta, contestarono la velocità della consegna e l'assenza della brutta copia. Tornai al mio banco, mettendomi a compilare pazientemente una copia della bella copia, tanto per farli contenti e, nel frattempo, scrissi un paio di "componimenti" per i compagni in difficoltà. Ok, consegno e il mio prof, che Dio lo benedica, mi fa un lieve sorriso. si chiamava Bettini. Io l'adoravo perchè riusciva a capire il mio stile che è sempre stato "contorto", a voler classificarlo in altro modo più dignitoso, non convenzionale, insolito, non "ruffiano". Però ineccepibile dal punto di vista sintattico, grammaticale e logico.
Sapevo che la prova scritta era andata bene: era Greco, che amavo molto più del Latino, perchè non esistono "assonanze" che possono trarti in inganno.

Arriva il momento dell'orale e mi trovo davanti componenti misti: professori miei e altri esterni.
Il Presidente, anzi, presidente dice: "Questa la interrogo io". Ne aveva il diritto.
Ho incrociato il suo sguardo, ho guardato le cime degli alberi fuori e ho pensato tra me che lo avrei fregato in ogni caso. Ero preparata.
E lì è successo l'imprevedibile. Lui faceva domande, diciamo anche che erano un po' assurde (ma ci stavano) e io non riuscivo a rispondere. Proprio non mi usciva la voce.
Sono intervenuti i docenti "amici", ponendomi questioni da fare ridere i polli. Leopardi, Manzoni, Tacito, Giulio Cesare, la Tragedia Greca.... E io zitta. Mi hanno portato dell'acqua.
Io continuavo a tacere. Non riuscivo ad articolare mezza parola. Mi vergognavo un sacco, ma non ci riuscivo.
Il presidente aveva un ghigno beffardo.
La scena è vivida, emozioni, colori, suoni a distanza di anni.
Il risultato: sono uscita con il minimo e mi sono giocata la borsa di studio per l'Università. Un fatto tragico per me, non avendo più una famiglia su cui contare.

Ero talmente sconfortata... come avrei fatto a proseguire gli studi? Da notare che dovevo provvedere anche alla mia sussistenza. Non so come ragionavo, ma ragionavo male. Ero a metà tra un topino terrorizzato dal gatto e la convinzione di avere fatto la cosa giusta, ma non per principi morali.
Semplicemente il tizio schifoso non era il mio tipo e rivendicavo il diritto alla mia sessualità, scoperta da un paio di anni, di "darla" a chi volevo e sceglievo io.
Ma anche fossi stata un po' meno scema e consapevole della grave pressione, avrei avuto come testimone un water e un termosifone.

Ne ho ancora da raccontare... alla prossima.
NB. Non userò un criterio cronologico.