Virtuali riflessioni suscitate da Andrea G.

"Siamo tutti qua per gli altri... nessuno è più importante di noi, noi non lo siamo più degli altri."

Sacrosanta verità, peccato che non sia condivisa da tutti.

"Molte cose dei miei amici non le approvo, non le condivido, come penso gli altri facciano lo stesso con me. Però siamo lo stesso qua a scambiarci idee, commenti, stati d'animo, per crescere ed imparare assieme."

Purtroppo sono rari quelli che vogliono imparare, crescere, confrontarsi. Fb è solo mercimonio, lisciate, diplomazia spicciola per vendere un'immagine, e soprattutto un prodotto.

"Nessuno è perfetto, essere perfetti non è di questo mondo. Le critiche possono aiutare, però le critiche costruttive, non le offese spassionate o umilianti."

Io sono stata in gruppi in cui se dicevo la mia opinione ero attaccata e, alla fine, mi son fatta la fama di rompiballe.

"Io stesso spesso intervengo nei post degli altri, mi conoscono e sanno che scherzo. Ma mai, e dico mai ho mancato di rispetto a qualcuno, anche perchè non ho nulla contro nessuno."

Io intervenivo con le mie opinioni che non erano in linea e sono stata emarginata.


 " Spesso però mi sento una calamita che attrae un finto umorismo e attiro commenti, battute che se non avessi un'alta stima di me stesso, ed un ENORME senso dell'umorismo, difficilmente accuserei in silenzio."

Io sono diventata un bersaglio mobile da colpire e affondare, poichè sospettata di recensire criticamente dei capolavori. Semplicemente è partito l'ordine di affossarmi. Parlo di cose concrete.Con il mio lavoro, non certo peggio di altri, e le mie sole forze, forse di qualche amico, ero arrivata al 30imo in top 100 generale. Una cavolata? Non per chi scrive, è importante il riscontro non falsato da giudizi di comodo o voti di scambio.
Ed ecco che Beatrice (sarà nei miei contatti, ma non so chi sia), svela l'arcano.
E dietro ci stanno sorelle, madri affettuose, oltre che ragazzine plagiate inconsapevolmente.
Agiscono nell'ombra. In silenzio, in pieno stile mafioso. Mi par di sentirle...e mi vengono i brividi.
Perchè se non sei con loro, sei contro di loro.
Perchè se leggono delle recensioni non mielose, ti tirano dietro palate di mxxxa.

Perchè esistono le recensioni di scambio e tra loro non si mordono, anche se si detestano.

Io rivendico la libertà di opinione comunque e sempre, aldilà del fatto che la sottoscritta sia la famigerata Athena che, oltretutto, mi trova quasi sempre concorde.

"Oggi avete letto tutti quello che è successo, altri post li ho cancellati prima che degenerassero. Sono un brontolone e molto polemico, lo sapete già, ma vorrei che per un istante, uno solo, vi metteste nei miei panni."

Invece caro amico, per quanto mi riguarda, molti hanno letto e sono stati zitti.
Perchè se anche a una vien un rigurgito di coscienza, deve star zitta per non compromettersi, per vendere il suo prodotto.

Perchè per tutto questo tempo, non sono mai stata inclusa come "collega", nei post collettivi. Tranne da Irene Pecikar, di cui posso fare il nome, visto che è forte e un'altra autrice che stimo molto. di cui non faccio il nome, per non comprometterla. Si sa mai con ste pazze.

O magari mi sbaglio, si vien isolati perchè si vien temuti.Magari sono davvero brava! No. Perchè manco mi hanno letto. Mai mi hanno dedicato un po' di attenzione, tranne... e anche qui tralascio due nomi, per non comprometterle.

Voi maschi, tanto criticati, in queste cose siete molto superiori a noi, donne. Le donne coalizzate sono delle vipere. Sono delle astute maestre.E sono pure delle assatanate. Una specie di Youporne in rosa.

 

 "Non si sta bene qua dentro, senza una buona dose di ironia."
Vero, ma quando sei preso di mira seriamente, l'ironia non basta. 

Caro Andrea, ti ricordi che abbiamo passato un Capodanno insieme con Erika? Fai bene a fare pulizie per l'Anno Nuovo.
Ma ringraziamo il Cielo per quel dono che non è da tutti: l'autoironia. 

Il Soffio del Drago