Essere indie in SudAfrica

L'avevo promesso ed eccomi, un po' in ritardo e con ricordi offuscati dall'inferno di Idomeni. Appunti? Li avevo ma, essendo molto ordinata, non li ritrovo, cioè non ricordo il nome con cui li ho catalogati, come non ricordo dove ho messo il pezzo che riguardava i luoghi. Luoghi che ho avuto poco tempo per visitare perchè ero là per altro. Comunque la storia è andata così. Una sera a Joburg in una specie di pub, ho conosciuto un dj locale Dick e la sua compagna, da lì è nato tutto.
Riassumo per non annoiare.
Vi sono molti autori self, tanti, alcuni molto seguiti al punto di aver lasciato l'editoria tradizionale e aver fatto della scrittura un mestiere. Certo devono vedersela con un mercato molto ampio, scrivendo perlopiù in inglese, eppure Jana mi confida che ce ne sono di davvero bravi. I generi più gettonati sono più vari che da noi, ma anche là c'è chi si è ritagliato una nicchia nel romantico/erotico sulla scia delle 50SF, ma riuscendo in qualche modo ad emanciparsi. Lei conosce quel mondo perchè è una cover-designer, oltre ad altri mille hobbies e lavori che coltiva.
Parto con le domande a raffica, a volte mi guardano come fossi una marziana, altre si guardano e scoppiano a ridere, ad esempio quando chiedo se anche da loro le donne dai 12 ai 90 impazziscono per i romanzi che virano verso l'erotico spinto-spinto, intendo il porno, ma non conosco il termine. Non serve, capiscono lo stesso. E ridono. Dick mi dice che se scopre la sua donna sbavare dietro a un personaggio letterario "figo" o a postare sui social commenti troppo "entusiasti", le cose sono due: o la sbatte fuori bungalow o la sbatte senza pietà. Geloso? Maschilista? Mi risponde con semplicità che la tigre che ha già mangiato, non va in cerca di altre "vittime". Lei, ridendo, questi due ridono come pazzi (sarà mica per me?), mi spiega che se lo scopre su un sito di quelli, prima gli spacca la testa , poi si chiede perchè, si mette in dubbio come donna.
Credo di aver capito il concetto.
Quindi l'erotico è un genere che funziona anche qui, ma deve essere supportato da una storia valida. Ok, ok ho capito.

I self sudafricani si rispettano, hanno le loro basi di fan , ma non disdegnano di consigliare "un rivale", se un libro/ebook è piaciuto.

Esistono gruppi "segreti"? Si guardano, io non riesco ad esprimermi, ho in mente i nostri sabotatori. Poi fanno cenno di aver compreso. Sì, esistono gruppi di lavoro in cui ci si scambiano consigli, idee, aiuto.Certo c'è anche chi corre da solo, ma pare siano molto leali tra loro, forse mantengono rapporti freddini (anche qui esiste competizione), ma niente colpi bassi. A me pare l'Eldorado, ci faccio un pensierino...mi trasferisco qui.

Quanto valore hanno i blog letterari? Sono importanti, ma non determinanti. Quelli che publicizzano e danno risalto a opere legate a Editori fino a due anni fa, facevano il bello e il brutto tempo, poi i lettori si sono svegliati e sono diventati molto critici al punto che essere "recensiti" su un paio di essi, mi fanno i nomi ma non li ricordo, può essere controproducente. Pare che qui Amazon non accetti recensioni dai blog. Io penso che è un ostacolo facilmente aggirabile, lo penso, ma non lo dico.

Ma allora "how does it work"? Come funziona? Uno scrive e poi? Risposta: l'autore si costruisce pian piano la sua "fama" che però dura nel tempo.Certo esistono anche le "vampate" (mi confermano il metodo che già conoscevo e che si basa su molti molti "amici"), ma durano pochino. Anche qui il lettore autentico sente puzza di bruciato e questo  può ritorcersi sull'autore alla sua seconda prova.
Ma quante ne sa Jana? Le chiedo se per caso ha studiato il fenomeno, lei mi risponde che legge sempre i libri di cui le chiedono la cover e quindi bazzica abbastanza. Dick la guarda come se avesse scoperto che lei è un'astronauta.

Mi chiedono dell'Italia. Glisso e rilancio: sono esterofili come noi? (Chiaramente faccio un giro di parole per rendere il concetto). Dick dice di sì, Jana gli ribatte che-ne-sai-tu. No, pare prediligano i locali, tranne, naturalmente grossi autori di calibro internazionale.
Un loro amico vive di scrittura, il suo genere? Udite udite: Romanzi storici mediamente erotici con coppie uomo-donna.
Non posso porre la questione della correttezza-lingua, è troppo un casino, per la natura stessa dell'inglese e anche per via dell'afrikaans.
Si ritorna all'Italia, io francamente lascerei perdere.Jana mi confida altro che tengo per me, tanto già lo immaginavo.
Mi pare tutto, o quasi.
Anzi no, mi pare un paradiso.