Piccoli assaggi di Paradiso



Quella sera Laureen si preparò con cura: voleva essere bella per lui.
Scartò con precisione chirurgica tutto il suo abbigliamento da maschiaccio: niente pantaloni, niente maglioni. E neppure vestitini etnici.
L'appendiabiti restò sguarnito: quattro capi solitari penzolavano malinconici. No, il tailleur da donna manager no, ma lo prese e vi appoggiò la guancia. Con quello indosso aveva incontrato Miguel per la prima volta, sorrise al ricordo e ancora una volta si sorprese di quanto la vita fosse pazzerella e potesse cambiare da un momento all'altro.
No, non aveva molta scelta.
Poi si ricordò dell'armadio in cui custodiva gli abiti di sua madre, abiti firmati, costosi, fin troppo, accanto a quelli che le aveva passato Simona. E lì le cose si complicavano: ora aveva troppa scelta. Le girava la testa , già dopo aver provato tre capi.
Era da tempo che non aveva di questi problemi. Con Davide sapeva bene di dover indossare abiti appariscenti per ben figurare, così andava sempre sul sicuro, ma quella sera non voleva strafare, voleva solo trasmettere gioia e seduzione, anche se i suoi occhi già erano investiti di una nuova luce, quella che non si può comprare. Quella di una donna innamorata.
Alla fine si decise: un abitino viola tenue di maglina, aderente, con una scollatura a v poco profonda, moderatamente sopra il ginocchio. Lasciò perdere le autoreggenti, ma non rinunciò alle decolté fatte a mano, con un buon tacco. Roba della zona, pensò: ecco un'altra risorsa per cui la Riviera una volta era famosa e che ora andava pian piano estinguendosi. Quelli che rimanevano aperti fabbricavano con la stessa competenza modelli adatti al mercato tedesco: non il massimo dell'estetica.
I calzaturifici chiudevano uno dopo l'altro, soffocati da tasse esose, dalla concorrenza sleale estera e sottopagata, lasciando grandi, malinconici capannoni silenziosi. C'erano stati anche dei suicidi, ma Laureen allontanò subito quei pensieri. Quella sera bando alle tristezze.
Passò al trucco. Era negata, ma Simona l'aveva istruita sui rudimenti, per poi concludere che i suoi lineamenti e il colore di occhi e capelli, non andavano troppo enfatizzati per evitare l'effetto "mascherone". Uno dei vantaggi di possedere quella bellezza retrò, la fissa del professore d'Arte.
No, il fard non serviva, aveva un aspetto sano e felice, sarebbe stato di troppo. Con un matitone beige sfumò un pochino le palpebre, una passata veloce di rimmel e il rossetto rosa antico, tenue. Un pensiero fugace: "Non è che tutto questo viola mi porta sfiga?". Alzò le spalle, spazzolò i capelli e li tenne sciolti, raccogliendoli da una parte con un pettinino che tratteneva le ciocche ondulate.
Il piano della serata era lievemente cambiato: avevano deciso con Simona di cenare nella saletta interna, in maniera più informale e ci sarebbe stato anche Mattia. Preferiva così, non le piaceva l'effetto "coppietta" e non le andava neppure di essere servita dalla sua migliore amica.
Si erano dati appuntamento vicino al vecchio mulino. Miguel le aveva parlato di un impegno nei dintorni.
Scese a salutare Clelia, arrivò sul posto a piedi: lui era già là che l'aspettava, appoggiato a una fiancata della macchina. Appena la vide s'illuminò in volto e allargò le braccia. Lei vi si fiondò.
«Come sei deliziosa! Hai intenzione di sedurre qualcuno? »
«Sì e no.»
«Spiegati Sfinge!», la incalzò lui tenendola ancora avvolta nel suo abbraccio.
«Bè, mi piace pensare che un uomo sia sedotto da Laureen e non da quattro stracci firmati!»
«Giusto, ma il primo contatto è quello visivo e vale sia per un uomo che per una donna.»
«Te lo concedo. E per il resto spero di aver già sedotto qualcuno da cui già sono stata sedotta.»
Miguel le sollevò il viso e lo contemplò attentamente, come dovesse memorizzarlo.
Lei ricambiò quell'istante sospeso e si sorprese ancora una volta dell'avvenenza insolita che proveniva da quella pelle dorata, da quel filo di barba, da quelle labbra che aveva imparato a desiderare ovunque su di lei. Quei capelli neri, ora un tantino arruffati, lei li sistemò affondandovi le dita, quegli occhi blu screziati di verde, che nessuna tavolozza al mondo avrebbe saputo riprodurre, lei vi si perse…
«Dobbiamo muoverci», si riscosse.
«Già», le fece eco lui, liberandola adagio dalla sua stretta.



Quello sopra è un estratto de "La Rosa dei Venti" Volume Primo e Secondo che trovate a 1,92, o gratuito in KU. Se volete sostenere una Narratica competitiva di qualità e non di facciata, vi ringrazio. Anzi vi abbraccio.
NON clikkate sul bannerino se volete acquistarlo. Andate su Amz, perchè non voglio avere niente a che fare con affiliazioni, non mi piacciono, non ne ho bisogno. Mi sono affiliata solo per avere i pulsantini che mi piacciono tanto....
E un pensiero a tutta la gente che lavora anche di notte, anche nei festivi . Per alcuni di essi poter scrivere un post significa "che è tutto tranquillo". Menomale